Amici

LA VIOLENZA NON POSSIEDE DIGNITA’

esistono-uomini-senza-dignita-onesta-e-coeren-L-lEkmfy - CopiaQuando scopri che la violenza ti apre porte chiuse a doppia mandata, tutto appare semplicemente in automatico, ma è una visione parziale e incompiuta, perché ogni volta che fai del male a qualcuno, oltre che a te stesso, per terra rimangono i tanti pezzetti di noi stessi dimenticati, abbandonati, disperatamente perduti.  

Lo strumento della violenza porta cognome di utilità, di interesse, di difesa, di attacco preventivo, di sopruso, di prevaricazione, di azzeramento della dignità dei più deboli, dei più indifesi, di chi non può difendersi.

A Rimini in quattro a mettere in scena una violenza carnale da fare impallidire quelli di arancia meccanica. A Desio calci, insulti, botte a ripetizione, fino a fare diventare un adolescente, una cosa, peggio, un rifiuto gettato nel cestino. In strada, al pub, a scuola, in classe, quelli dal bicipite pieno menano il solito “sfigato“ di turno, gli altri se la danno a gambe, oppure, assai peggio filmano con lo smartphone.

Allora tutti a gridare, a fare la voce grossa, a condannare questo e quello, a richiedere condanne esemplari, punizioni e sanzioni da vergare nuova giurisprudenza. Con la conclusione più che mai scontata di vivere in una società dove l’indifferenza non fa più prigionieri.

Vincenzo Andraous

More from Amici

ERA SOLTANTO UN CLOCHARD

Chi ricorda più quel senza fissa dimora bruciato vivo qualche giorno addietro, badate bene, non ho detto qualche anno fa. Ogni sera quell’uomo infagottato in cenci e stracci andava a prendere posizione sulla strada per lasciare a qualche ora di … Per saperne di più

BULLI SPARSI QUA E LA’

Intenzionalità, ripetitività, asimmetria, le tre caratteristiche che contraddistinguono i guerrieri di cartone, i famosi per forza, piccoli e insignificanti pezzettini di edilizia scolastica. Bulli sparsi qua e là, senza un briciolo di dignità, violentano, sottomettono, umiliano, chi non può difendersi … Per saperne di più

LA MORTE E L’INDIFFERENZA

 La testa mi scalcia alla base del collo, un fastidio persistente, una sofferenza scomposta, una ferita che non rimargina, sanguina e non consente alcuna consolazione.  Da ore si susseguono le cataste di parole imbarazzanti, gestualità rubamazzetti dagli aggettivi altisonanti, recitazioni … Per saperne di più

GESU’ DOVREBBE RIFIUTARSI DI RISORGERE

La Croce indica le tante tragedie che ci colgono impreparati, nelle catene delle addomesticazioni,  delle abitudini stanche alle prigionie dell’anima. Le bombe stanno ai chiodi inaccettabili, documentata incoffessabilità delle strategie più disumane, statistiche accantonate di chi cade, di chi muore, … Per saperne di più

OCCORRE METTERSI DI TRAVERSO

Su un quotidiano c’è la notizia di un minore arrestato per atti di bullismo persistente, reiterato, senza alcuna vergogna di infierire sul più debole, il più fragile, quello ingiustamente declinato a sfigato, la solita vittima, sempre più spesso all’angolo senza … Per saperne di più

LA GUERRA DEGLI INNOCENTI

Potenti di ogni colore e nazione, diagnosticano terapie politiche e sociali per ristabilire diritti e democrazie in paesi dilaniati dalla ferocia della povertà, dall’ingiustizia oramai globalizzata, che non sottrae alcuna religione dal taglione del mors tua-vita mea.  Guerre e stragi, … Per saperne di più

UN MALEDETTO TRADIMENTO CULTURALE

Scorrendo le pagine dei giornali, osservando le immagini in televisione, ascoltando le storie monche perché mal interpretate di tanti giovani che rimangono al palo, alcuni  offesi, altri depredati della vita, traditi dall’alcol, dalla roba che leggera non è mai, dalla … Per saperne di più