Antonella Tropeano

15826728_10211992973688127_2265081449198977731_nTROPEA – Chi nasce e cresce in una città di mare, per di più bella e affascinante come la nostra Tropea, il mare se lo porta dentro, nel cuore e nell’anima per sempre, ovunque la vita lo porti. E’ il caso della giovane concittadina Antonella Tropeano che per motivi di studio si è trasferita a Perugia. E il mare, il suo mare, è stato oggetto di studio per una ricerca di dottorato durata ben tre anni. Non poteva scegliere un argomento diverso, lei, nata e cresciuta con negli occhi l’orizzonte che si perde tra il cielo e il mare in un infinito rigato solo dalla sagoma dello Stromboli. Il suo è stato, e continua ad esserlo, un percorso universitario che merita attenzione.

Tropeano, conseguita la maturità classica nel 2001 presso il liceo cittadino con il massimo dei voti, 100 su 100, ha intrapreso gli studi universitari all’Università degli Sudi di Perugia conseguendo la laurea in Lettere Classiche con 110 e lode. Specializzandosi poi in Filologia, Letterature e Storia dell’antichità.

E mentre si barcamenava in supplenze negli istituti di secondo grado in Umbria, insegnando italiano, latino, greco, storia e geografia, ha vinto una borsa di studio per un dottorato di ricerca presso l’Università per antonella-tropeanoStranieri di Perugia, con il tutor Roberto Fedi. Tre anni di impegno per una ricerca dal titolo “I volti del mare nella letteratura moderna”, lavoro che quanto prima sarà pubblicato a cura della stessa Università.

“Il mio progetto di ricerca – afferma la giovane ricercatrice – analizza il tema del mare nelle sue innumerevoli sfaccettature e l’influenza che questo topos ha avuto nel panorama culturale del Settecento e dell’Ottocento, in particolare italiano, con qualche accenno ad alcuni scrittori europei ed americani, giganti della letteratura marina, onde circoscrivere una navigazione oceanica, data la vasta estensione dell’argomento. Il titolo, I volti del mare, non è casuale, ma intende dare importanza e rimarcare la molteplicità di aspetti e di tipologie di mare. Le acque, in una sorta di visione antropomorfica, hanno volti, espressioni, e proprio la rappresentazione di questi volti infiniti e mutevoli costituisce l’impalcatura tematica, l’ossatura dell’elaborato”. L’impegno di Antonella Tropeano va comunque oltre, al suo attivo anche la pubblicazione del saggio “Misteriosi omicidi e suicidi letterari nei castelli medievali”, sul numero 3 di “Gentes”, di dicembre 2016, ed altre attività come l’essere membro di commissione negli esami per il corso di Lauree magistrali presso l’Università per stranieri di Perugia e dove, tra l’altro, ha svolto lezioni sull’Inferno dantesco negli anni accademici dal 2013 al 2016.

Il suo alto grado di competenza ha indotto i Chiarissimi ad inviarla come relatrice in importanti meeting e convegni. Ha iniziato con la città di Rimini, relazionando durante le giornate internazionali “Francesca Da Rimini”, per poi recarsi a Los Angeles, alla conferenza Love and Death in the Renaissance Castle, presso UCLA Center for Medieval and Renaissance Studies, e nell’aprile del 2016 a Boston come relatrice al sessantaduesimo meeting annuale della Renaissance Society of America.

Oggi, Antonella Tropeano continua a prestare la sua opera presso l’università degli Studi di Perugia con sempre più entusiasmo. Per questo suo straordinario cammino, ringrazia la sua famiglia che ha creduto nelle sue capacità esortandola sempre a dare il meglio di sé. E ringrazia il suo “grande Maestro nonché speciale mentore”, Roberto Fedi che ha reso piacevole il suo iter accademico con consigli, disponibilità e solarità, ringraziandolo anche per la fiducia, incoraggiandola a partecipare  a rilevanti eventi e iniziative.

Noi, non possiamo che essere orgogliosi per questi figli di terra di Calabria che si fanno strada e onore con impegno e sacrificio.

Vittoria Saccà

About Vittoria

Docente di Materie letterarie presso il Liceo Scientifico "Berto" di Vibo Valentia. Vivo a Tropea, splendida cittadina che si affaccia sul mar Tirreno. Sono giornalista pubblicista.

Lascia un commento